Brera e i ciclisti di Sassu

Finisce il Giro d’Italia che per un paio di settimane ha attraversato la penisola, regalando emozioni forti come solo il ciclismo sa regalare.
Io, amante delle due ruote (da spettatore e non da praticante), ancora mi emoziono per uno sprint o per l’impresa di uno scalatore che domina la montagna pigiando sui pedali, e ogni volta che alla televisione vedo le immagini, vado col pensiero a quando ho iniziato a divorare le cronache scritte da quel giornalista-scrittore che era Gianni Brera, capace di raccontare una corsa con l’enfasi di uno di quei romanzi d’appendice che, una volta iniziato, non riesci a mollare finché non l’hai finito.
Di Brera conservo un bellissimo libro (Gianni Brera, I ciclisti di Aligi Sassu – Disegni, Edizioni della Seggiola, 1980) dove il giornalista presenta una serie di disegni di Aligi Sassu dedicati al ciclismo, un tema che l’artista ha trattato per tutta la sua carriera.
Un amore quello di Sassu per il ciclismo che Brera riconduce all’infanzia di Aligi (milanese di nascita, di padre sardo e di madre emiliana) nella Milano degli anni 20. “Il giovanile abbandono”,  del futuro artista per la bicicletta, “il cavallo inventato dall’uomo”, con la quale percorre le strade di Lombardia, fu un vero e proprio amore, coltivato da Aligi Sassu a livelli quasi agonistici e, come scrive Brera, “lo stesso sport che l’ha tentato da giovane diviene pacato rifugio in Arcadia”.
Brera riconduce la passione ciclistica di Sassu al sangue sardo che scorre nelle vene dell’artista, quel sangue berbero che, in mancanza di un “cavallo assatanato” come quelli cantati da Sebastiano Satta, lo porta a montare il “cavallo inventato dai meccanici”.
Ma Brera si esalta al massimo (“mi commuovo” scrive), nel descrivere Fausto Coppi; non il Coppi reale, ma il Coppi disegnato da Sassu. “Fausto Coppi è un airone giovane e triste. Gli si legge negli occhi un drammatico destino. Aligi ne disegna lo sterno da uccello, le gambe spropositate (che poi asciugherà la fatica improba della strada), il lungo naso che spiove sulla bocca amara: la balenante immagine d’un pesce che inghiotta plancton in un fondale aspro e disagevole: Ahimè, quasi nulla può la fantasia, al cospetto d’un cavallo inventato dai meccanici. Coppi lo incanta per com’è brutto, all’apparenza, quando cammina con l’impaccio d’un papero fuori dall’acqua, e per come invece trascina quando l’agonismo lo accende. La simbiosi fra uomo e bicicletta permane un mistero che la matita, per quanto abile, non può svelare. Così, d’istinto, Aligi si astiene dal tragico in ciclismo. Ed io proprio di questo mi commuovo, perché ne conosco i giovanili abbandoni, l’estasi di auto glorificazione immobile (i sogni di gloria a tutti pedali!)”

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...