Riccardo De Bacci Venuti, “aristocratico artista”

Nel 1928, Amerigo Imeroni pubblicò il volume “Piccole Industrie Sarde”, con copertina di Tarquinio Sini, dedicato all’artigianato isolano: un primo tentativo di valorizzare quanto di meglio la tradizione dell’isola proponeva in fatto di oreficeria, tessitura, intaglio, ceramica, ecc.
La copia in mio possesso riporta una dedica autografa, datata 1932, di Imeroni a Riccardo De Bacci Venuti: “Al chiarissimo Prof. Riccardo De Bacci Venuti aristocratico artista, omaggio affettuoso del democratico autore”.
Riccardo De Bacci Venuti, artista e, soprattutto, restauratore, era figlio di Gualtiero, anche lui pittore che, alla fine dell’800 aveva goduto di una certa notorietà come autore di quadri storici.
Riccardo, invece, aveva iniziato la sua attività di restauratore, in giro per l’Italia e all’estero, negli anni antecedenti alla Prima Guerra mondiale per conto del Ministero della Pubblica Istruzione.
Tale attività, tra il 1933 e il 1934, lo portò anche in Sardegna, dove intervenne su diverse opere presso il Museo Sanna di Sassari.
Parallelamente all’attività di restauratore, De Bacci Venuti continuò a dipingere e prese parte a diverse manifestazioni artistiche sul territorio nazionale esponendo i suoi quadri.
Testimonianza della permanenza in Sardegna è un olio su cartone in mio possesso, datato 1933, che raffigura una giovane donna con indosso il costume di Desulo.
Si tratta di un’immagine stereotipata, tipica di quella corrente folklorica da “strapaese” che in quegli anni aveva un certo successo. La raffigurazione della ragazza in costume con atteggiamento sorridente e disincantato, richiama anche le raffigurazioni fotografiche delle cartoline dell’epoca.

Il dipinto, comunque, fa intravvedere un’indubbia conoscenza tecnica e il quadro ha una certo fascino, anche per via della cornice originale, intagliata con motivi tradizionali sardi, che ricorda quelle della Bottega Margelli di Sassari, utilizzate soprattutto per incorniciare le piastrelle di Edina Altara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...