S’Animedda e su mortu-mortu

Se si pensa alle festività dei santi e dei defunti, ormai, il pensiero corre immediato a Halloween, nata per soddisfare i gusti americani e diventata una ricorrenza internazionale.

s'animedda 1Il mio pensiero, invece, corre a quand’ero bambino: a quando ancora la mia generazione ignorava l’esistenza di Halloween.
La festa per noi bambini di Orani (ma di tutti i paesi della Sardegna) era caratterizzata da su mortu-mortu e da s’animedda.
Su mortu-mortu consisteva in una sorta di questua che vedeva gruppi di bambini andare di casa in casa, dotati di apposito sacchetto, a chiedere qualcosa per le “anime” (dolci, frutta secca, frutta di stagione, ecc.). Il contenuto del sacchetto, poi, veniva spartito tra tutti i bambini che avevano partecipato alla raccolta.
s'animedda 3S’animedda era il nome della zucca che, una volta svuotata, veniva incisa in modo da ottenere una faccia mostruosa che diventava ancora più mostruosa una volta inserita una candela accesa all’interno. Anche con s’animedda si girava per le case dove ai bambini venivano offerti dolci o frutta. Ricordo l’ultima volta che con gli amici si organizzò s’animedda: eravamo già vicini alla maggiore età… Si decise di iniziare il giro dalla casa di don Puddu, viceparroco originario di Oliena. Don Puddu ci fece accomodare e ci offrì da bere s'animedda 2un ottimo vino. In pratica il nostro giro finì lì in quanto passammo tutta la sera a bere in compagnia e a discutere con il prete di Fabrizio De Andrè e delle sue canzoni.
Quest’anno, però, visto che mi sono ritrovato una zucca per casa, ho deciso di rinnovare s’animedda che, anche se non andrò a bussare alle porte dei vicini, rimarrà accesa in casa per ricordare “sas animas” e per ricordare le spensierate “animedde” dell’infanzia.

Advertisements

Una risposta a “S’Animedda e su mortu-mortu

  1. Francesco Pinna

    Credo che la tua maniera di ricordare “le anime” sia più vicina al “nostro” modo di ricordarle di quanto non lo sia quello più moderno e talvolta confuso con altre tradizioni, e chiamate tali, che non ci appartengono. Sono con te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...