Archivi categoria: Costumi

La famiglia di Arzana

Nei mercatini spesso ci si imbatte in frammenti di Sardegna approdati chissà per quali vie in Continente.
Nel mercatino antiquario di San Miniato (PI) ho comprato un piccolo lotto di sei fotografie di cui tre sicuramente della seconda metà dell’Ottocento e tre dei primi del Novecento.

Le foto sono relative a persone e costumi di Arzana e solo una ritrae una donna che indossa il costume tradizionale che potrebbe essere di Belvì.

arzana FOTO 010 bisarzana FOTO 009 bisLe foto piccole sono su carta intestata dei fotografi cagliaritani Tarasconi e Laj Rodriguez e sono le tipiche foto “formato visita” (cm 6.5 x 11) che imperversavano quando, alla fine dell’800, la fotografia iniziò a diventare un fenomeno di massa.

arzana FOTO 014 bisLa foto col costume di Belvì, eseguita dal fotografo Alfonso Efisio Thermes (Cagliari, 1886-1969), è incollata su un cartoncino con motivi floreali Liberty (cm 13.4 x 20) e  nel retro riporta una dedica: “alla mia buona sorella con grande affetto. Maria – Cagliari 12/05/1908”.

La data manoscritta sulla foto è interessante perché permette di anticipare di qualche anno l’inizio attività di Thermes (solitamente indicata intorno al 1915). È interessante anche da un punto di vista tecnico in quanto è a colori, con effetti ottenuti grazie alle prime tecniche sperimentali che permettevano, comunque, di ottenere risultati apprezzabili. .

arzana FOTO 013 bisIl gruppo familiare (cm 9.5 x 13.5) è incollata su un cartoncino con la scritta “Formato Gabinetto” e non riporta alcuna indicazione sul fotografo. L’immagine testimonia l’inesorabile avanzata dei nuovi stili di vita, con la donna e il vecchio patriarca ancorati al passato dei vecchi costumi tradizionali di Arzana, e il giovane con un abbigliamento “alla cacciatora” con giacca, pantaloni e panciotto di fustagno e con, ben evidente, la catena dell’orologio riposto nel taschino.

Le due foto dei primi del ‘900 (cm 13.7 x 8.7) ritraggono alcuni cavalieri di Arzana, rigorosamente in costume, radunati in occasione di qualche festività. Quella con i cavalieri in primo piano ha nel retro la scritta a matita “Arzana”; per il resto le due foto sono anonime e non riportano alcuna indicazione sul fotografo che le ha eseguite.

arzana FOTO 011 bisarzana FOTO 012 bis

Costumes

costume pauli latino 002costume fonni 004La passione e la curiosità mi hanno portato, negli anni, a sviluppare una particolare attenzione per tutto quello che “racconta” qualcosa della Sardegna.
Libri, quadri, ceramiche, cartoline, sono sempre, sistematicamente, vagliati, sia che si tratti della bancarella di un mercatino piuttosto che lo scaffale di una libreria.
costume fonni 001costume ozieri 011Da qualche anno le possibilità si sono enormemente ampliate grazie a internet che, però, avendo allargato a dismisura il numero dei ricercatori, ha reso molto più difficile la possibilità di reperire oggetti interessanti.
Tra le ultime cose, “viaggiando” su internet, ho scovato un lotto di 14 fotografie di costumi sardi, sicuramente risalenti alla seconda metà dell’800, quando la costume oristano 010fotografia costume nuoro 012costume desulo005costume desulo 008muoveva i primi passi.
Si tratta di piccole foto (cm 6 x 10,5) “formato visita”, applicate su cartoncino rigido. Non riportano alcuna indicazione del fotografo che le ha realizzate e, nel retro, una scritta a matita indica la località a cui il costume si riferisce.
Tutte le foto sono a figura intera, esclusa una scattata a distanza ravvicinata. Solo una foto presenta evidenti danni, le altre costume nuoro 009costume cagliari rigattiere 014sono in ottime condizioni.
Tutte le foto sono colorate a mano.
Con molta probabilità sono da far risalire allo studio fotografico di Eugenio Aruij, attivo a Cagliari intorno al 1860, di cui si conoscono alcune foto simili a quelle da me acquistate e che era conosciuto costume nuoro 003costume cagliari 006proprio per le sue foto colorate a mano.
Altro fotografo attivo a Cagliari nello stesso periodo era Agostino Lay Rodriguez. Anche lui si cimentava nelle foto “formato visita” utilizzando la tecnica “a doppio fondo e colorito istantaneo” che permetteva di applicare una speciale costume aritzo 013costume sedilo 007vernice rossiccia al viso e alle mani dell’immagine.
Occorre segnalare, comunque, che una delle foto in mio possesso (costume di Oristano) è stata pubblicata nel volume “Visioni di Sardegna” di Oliviero Maccioni (Edizioni 3T, Cagliari 1983) ed è attribuita a Giuseppe Luigi Cocco, chimico e farmacista, uno dei pionieri della fotografia a Cagliari, che iniziò l’attività di fotografo nel 1866 e che, tra alterne vicende, proseguì sino al 1878.
Le Foto (da sinistra a destra) si riferiscono ai costumi di: Paulilatino, Fonni maschile, Ozieri,  Fonni femminile, Oristano, Nuoro bambina, Desulo, Desulo, Nuoro maschile, Rigattiere Cagliari, Nuoro bambino, Cagliari, Aritzo, Sedilo.