Archivi tag: tradizioni

Orani: i timbri per il pane e “su coccone ‘e vintichimbe”

I timbri per il pane, “pinta-panes” o “pinta-coccones”, hanno antichissime origini e sono riconducibili agli stampi o sigilli di pietra, di terracotta, di legno, di corno, con un disegno inciso o intagliato, che serviva per stamparlo ripetute volte sull’epidermide del corpo o per “marchiare” animali o oggetti.

Una funzione simile dovevano avere anche le “pintaderas” nuragiche, veri e propri tamponi in terracotta, utilizzati per motivi decorativi pratici o magico/religiosi.

Un uso molto simile era quello riservato ai “pinta-coccones”, sempre caratterizzati dal duplice scopo, decorativo e magico-religioso. Se da un lato, infatti, i timbri rivestivano un carattere puramente decorativo, dall’altro avevano spesso un uso legato a pratiche magico/religiose per preservare il pane dal malocchio.

Normalmente i “pinta-coccones” riprendevano motivi decorativi floreali o elementi geometrici tipici dell’artigianato simili a quelli utilizzati per le cassapanche, ma spesso i simboli erano legati all’occasione per cui i “pinta-coccones” erano stati realizzati. In occasione di fidanzamenti o matrimoni, ad esempio, abbondavano di cuori stilizzati in diverse fogge a sottolineare l’amore che permeava l’evento.

137 cosseddu antonio e roberto (9)

coccone 1In alcune circostanze l’utilizzo dei timbri era di esclusivo uso religioso, come ad esempio quando si realizzava il pane da offrire ai pellegrini in occasione della festa a Gonare il 25 marzo.

In tale occasione una o più famiglie, per voto alla Madonna di Gonare, producevano innumerevoli forme di pane su cui era applicato il timbro con l’effige della Madonna. Il pane, su coccone ‘e vintichimbe, veniva offerto a tutti i pellegrini che si recavano al santuario.

136 gonare vintichimbe 2 bis

Distribuzione de “Su coccone ‘e vintichimbe” a Gonare

138 cosseddu antonio e roberto (7) bisUguale funzione avevano i timbri che riportavano la figura di S.Antonio, utilizzati per marchiare “su pistiddu”, il tipico dolce a base di miele, semola e zafferano, che il giorno della festa del santo (16 gennaio) veniva portato in chiesa per la benedizione.

(Il brano e tratto dal mio libro “Mastros de linna. Falegnami e carpentieri a Orani“, pubblicato dall’editore Nardini di Firenze nel 2014.
I due timbri quadrati riprodotti in alto sono opera di Tziu Paulu Cosseddu. I timbri della Madonna di Gonare e di S.Antonio sono stati realizzati da Roberto Cosseddu)

Annunci

S’Animedda e su mortu-mortu

Se si pensa alle festività dei santi e dei defunti, ormai, il pensiero corre immediato a Halloween, nata per soddisfare i gusti americani e diventata una ricorrenza internazionale.

s'animedda 1Il mio pensiero, invece, corre a quand’ero bambino: a quando ancora la mia generazione ignorava l’esistenza di Halloween.
La festa per noi bambini di Orani (ma di tutti i paesi della Sardegna) era caratterizzata da su mortu-mortu e da s’animedda.
Su mortu-mortu consisteva in una sorta di questua che vedeva gruppi di bambini andare di casa in casa, dotati di apposito sacchetto, a chiedere qualcosa per le “anime” (dolci, frutta secca, frutta di stagione, ecc.). Il contenuto del sacchetto, poi, veniva spartito tra tutti i bambini che avevano partecipato alla raccolta.
s'animedda 3S’animedda era il nome della zucca che, una volta svuotata, veniva incisa in modo da ottenere una faccia mostruosa che diventava ancora più mostruosa una volta inserita una candela accesa all’interno. Anche con s’animedda si girava per le case dove ai bambini venivano offerti dolci o frutta. Ricordo l’ultima volta che con gli amici si organizzò s’animedda: eravamo già vicini alla maggiore età… Si decise di iniziare il giro dalla casa di don Puddu, viceparroco originario di Oliena. Don Puddu ci fece accomodare e ci offrì da bere s'animedda 2un ottimo vino. In pratica il nostro giro finì lì in quanto passammo tutta la sera a bere in compagnia e a discutere con il prete di Fabrizio De Andrè e delle sue canzoni.
Quest’anno, però, visto che mi sono ritrovato una zucca per casa, ho deciso di rinnovare s’animedda che, anche se non andrò a bussare alle porte dei vicini, rimarrà accesa in casa per ricordare “sas animas” e per ricordare le spensierate “animedde” dell’infanzia.