Orani così non l’avete mai visto!

Una foto dei primi del ‘900 acquistata su internet con una veduta di Orani ripresa dal cimitero nuovo, ancora in fase di costruzione. La foto, dunque, è facilmente databile visto che il nuovo cimitero di Orani venne inaugurato nel 1906.
In primo piano spicca la vecchia chiesa diroccata di S.Andrea, “Campusantu vezzu”, mentre lo sfondo è dominato dalla collina di Sa Costa e da San Paolo, con in cima la chiesetta.
Il paese è molto raccolto e ancora circondato da campi e orti. Basta notare la chiesa di Sa Itria che ha la facciata rivolta verso l’aperta campagna. La chiesa del Rosario è senza campanile (alla cui costruzione, alcuni anni dopo, contribui anche mio nonno Mereu), la parrocchiale è sempre incompiuta e la parte alta del paese è dominata dalla chiesa e dall’edificio del convento.
Nell’abitato spiccano per dimensione i palazzi delle famiglie importanti: i Siotto, i Meloni, sas Damas.
Considerando che il numero degli abitanti è sempre più o meno lo stesso di allora, l’abitato ha dimensioni molto ridotte rispetto al paese attuale; ciò testimonia che Orani, negli anni, si è allargato a dismisura, perdendo molte, e purtroppo irrimediabilmente, di quelle che erano le peculiarità legate alla sua forma urbana.

Annunci

6 risposte a “Orani così non l’avete mai visto!

  1. se si nota sopra campusantu vetzu c’ è un altra chiesa, oggi scomparsa, sarà la chiesa della maddalena???

    • Ciao Alessio.
      Non so se sia la chiesa della Maddalena. Sicuramente non è Santu Jacu, di cui sono visibili i resti dell’abside di fronte a Campusantu vezzu, dall’altra parte della strada, accanto alla casa di Piras (?).
      Comunque anche della chiesa nella foto ci sono ancora i ruderi

  2. Ciao Angelino.
    Questa è un’altra bellissima foto che mi lascia col fiato sospeso e non smetto di guardarla anche perchè si distingue molto bene la mia casa nelle vicinanze del convento ,sotto l’arco della scuderia di signor Paolo Cuccu(per essere più precisi ,il locale dove si svolge ogni anno l’innaugurazione di “Cortes Apertas”),appena più in basso la casa di signorina Ignazia Bussalai , la chiesa di Santa Gruche e sull’estrema sinistra della foto,mi pare di riconoscere la chiesetta di San Lorenzo che, per circa due secoli è appartenuta ai miei avi(ora agli eredi) essendo stati prorietari di tutti gli orti di su Cantaru e a poco a poco espropriati dal Comune: prima per costruire il lavatoio poi,in tempi recenti per costruire il Museo Nivola.
    Un saluto e se ho sbagliato attendo delucidazioni…Gemma

    • Cara Gemma,
      la foto in questione è una vera rarità e proviene da un fondo privato dei primi del 900. I dettagli sono molto nitidi e quindi è abbastanza facile riconoscere i vari angoli del paese.
      la costruzione a sinistra non è San Lorenzo in quanto tutta la zona de Su Cantaru non è inquadrata.
      Un caro saluto e ancora grazie per l’attenzione che dedichi alle mie note

  3. Grazie a te per avermi dato le dovute delucidazioni e un sincero saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...