Gonare: quando alla festa s’andava a cavallo

La “Piccola collezione Margherita” è una collana di libriccini (cm 7,5 x 24,5) pubblicata dall’Editore Enrico Voghera di Roma ai primi del ‘900.
Della collana fa parte anche il volume “Sardegna leggendaria” scritto da Stanis Manca e pubblicato nel 1910. Il libriccino, come riporta il sottotitolo, raccoglie “vecchie cronache ed antiche escursioni” dell’Autore, critico e giornalista, nato a Sassari nel 1865 e morto a Milano nel 1916, che dal 1898 al 1913 curò ininterrottamente una rubrica di recensioni teatrali sulla Tribuna di Roma.
Il volume, che esiste anche in una ristampa anastatica del 1989, curata dalla GIA Editrice di Capoterra,  tra i vari capitoli, ne dedica uno alla festa di Gonare.
Leggere come cent’anni fa era vissuta la festa è abbastanza divertente. Innanzitutto ci si rende conto, ad esempio, di come era difficoltoso affrontare distanze che oggi, in auto, si percorrono in 30 minuti. Scrive, infatti, Manca: “L’itinerario che si doveva seguire era questo. Andare da Nuoro ad Onniferi – una stazione di campagna – in ferrovia, di là prendere la carrozza che porta al villaggio d’Orani, dove avremmo pranzato. Quindi a cavallo ci dovevamo recare ad un altro villaggio, a Sarule, dove avremmo pernottato, ed infine, all’alba dell’indomani, sempre a cavallo, dovevamo ascendere la montagna di Gonari – meta della nostra gita – per arrivare sulla sua cima dove, attorno ad una chiesetta, si celebrava una delle feste più attraenti della regione.”
Manca si sofferma sulla storia del santuario e sulla sua fondazione da parte di Gonario di Torres. Continua poi descrivendo la moltitudine di persone accorse per la festa: “centinaia e centinaia di cavalli erano legati ai tronchi degli alberi, presso cui tranquillamente pascolavano, e sopra la spianata si stendeva un vero accampamento orientale con capanne improvvisate, casuccie mezzo diroccate, perché costruite chissà quanti anni prima, e baracche di venditori di ogni genere e specie”. E ancora: “Mentre salivamo a visitare la chiesetta, le donne che ci precedevano camminando per lo stretto e ripido viottolo che mena al tempio, formavano sul verde della montagna – coi loro sfarzosi costumi di gala – delle curiose macchie di rosso e di giallo, quasi fossero enormi rosolacci o girasoli”.
Manca conclude la sua cronaca raccontando quello che, a suo dire, è il vero motivo della festa: “…ebbe principio l’immane pasto, che durò parecchie ore, protraendosi tra le giocose canzoni, che s’intramezzavano tra una portata e l’altra. Questa è la vera solennità di Gonari; un inno al palato ed all’estetica; un succolento pranzo innaffiato da vini generosi, con un panorama magnifico innanzi agli occhi; e nient’altro”.
L’avvenimento non ha forse più il fascino di un tempo, ma se qualcuno a voglia di provare “in diretta” l’ebbrezza della festa sul Monte Gonare, ha due occasioni: il 25 marzo, quando durante “sa esta e vintichimbe” viene distribuito il pane benedetto a tutti i pellegrini, oppure l’8 settembre quando si celebra la festa vera e propria con tanto di novena religiosa che, nei giorni precedenti, richiama centinaia di persone nel piazzale delle cumbessias e nel santuario.

Gonare in un mio acquerello del 1999

Advertisements

6 risposte a “Gonare: quando alla festa s’andava a cavallo

  1. Caro Angelo… ancora una scoperta per me, stavo immaginando la scena e mi sono vista salire fino alla chiesetta e dopo admirare il panorama con Orani in giù! grazie, un abbraccio… dunque su vintichimbe lo penso!

  2. il tuo blog è una miniera
    come quello di Bastiana (Bianca)
    anch’essa oranese
    ma anche io ho i miei quarti di Orani
    mia nonna : Augusta Chironi era di Orani
    e mio padre è vissuto la per qualche anno
    mia sorella è sposata con un oranese
    ( Andrea Casu) con cui vive a Londra
    insieme alle loro 3 figlie
    Mi piace anche la tua passione per i vecchi libri
    che condivido ( anche per il mestiere che faccio: il grafico) spero presto di poterti postare
    qualche pagina preziosa per mettermi in pari
    con questo bel regalo sulla festa di Gonare

    • Ciao Pa’!! mi fa piacere leggere il tuo post e ti ringrazio per il sostegno. Non sapevo dei tuoi avi oranesi, ma ti devo dire che con Andrea Casu c’è una parentela abbastanza stretta visto che mio padre e il suo erano cugini (avevamo una bisnonna in comune). Aspetto i tuoi post e ho avuto modo di vedere alcuni tuoi lavori: inutile dire che mi piacciono.
      Un abbraccio

  3. ciao angelino, vecchio compagno di scuola…
    ho letto con quanta passione sei ancora legato ad Orani.
    non mi dilungo in preamboli: ti interessa avere una copia digitale del censimento del 1911 di Orani?
    fammi sapere nella mia casella e- mail
    salutoni.
    gino chironi

    • Ciao Gino,
      fa sempre piacere incontrare un oranese dei tempi che furono. Certo, mi fa piacere ricevere il censimento di 100 anni fa.
      Se credi me lo puoi inviare.
      grazie e alla prossima

  4. Pingback: Stanis Manca e Antonio Ballero, cronisti a Gonare | amerblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...